compitidintorni-30x68-loc-1

COMPITI & DINTORNI

Il programma di attività

Attività per bambini e ragazzi

Incontri pomeridiani per svolgere i compiti insieme e condividere esperienze di valore: studiare le abilità necessarie per imparare, partecipare a laboratori, divertirsi, costruire amicizie e far emergere le proprie eccellenze!

Conferenze
Conoscere, riflettere e condividere sui temi della qualità dell’educazione per compiere passi semplici ma immediati ed efficaci verso un miglioramento concreto.
Un’attenzione particolare sarà dedicata alla collaborazione tra scuola e famiglia per aumentare la qualità dei percorsi formativi e dei risultati.

Incontri per le famiglie
Percorsi formativi e ricreativi per dotarsi di nuove conoscenze e strumenti per educare meglio: aiutare i figli a imparare aumentando la collaborazione reciproca. Affrontare la vita quotidiana con creatività ed entusiasmo: risolvere i problemi e realizzare i progetti comuni.  Bambini e ragazzi potranno cimentarsi con laboratori creativi-applicativi per scoprire nuove abilità e opportunità.

“L’arte di educare”
Temi per genitori ed educatori
Le abilità di relazione
Educare con amore e fermezza
I fini nell’educazione
Un progetto per un bambino

“L’arte di imparare”
Temi per bambini e ragazzi
Perché e come imparare
Le sfide: superare gli ostacoli per realizzare le mete
La collaborazione
Pensare e progettare

Elementi innovativi del progetto
Nuove conoscenze sullo sviluppo delle abilità personali saranno prima studiate e poi applicate dalle famiglie al fine di contribuire in modo concreto alla qualità della vita all’interno nel nucleo familiare e nella comunità.
Nelle iniziative i partecipanti costruiranno insieme un ambiente di sostegno in cui ognuno, adulto e bambino, potrà imparare, esprimersi e offrire un contributo personale ai progetti comuni.
La famiglie riceveranno strumenti per collaborare tra di loro e avranno la possibilità di farlo all’interno di laboratori guidati; potranno coinvolgersi in percorsi intergenerazionali e interculturali.

CSP Molecola 2016-01

Scienze delle abilità umane

Il Centro Studi Podresca ha ideato e realizzato un sistema organico di conoscenze per lo sviluppo delle abilità umane. Ha elaborato un insieme di 25 unità di studio che offrono un sapere inedito e strumenti efficaci per la crescita personale.
La natura spiccatamente innovativa della ricerca risiede nell’approccio alle abilità basato su concezioni inedite, nel metodo di lavoro, nel modo in cui gli insegnamenti vengono applicati, nella ricchezza dei temi e nella forte interconnessione tra le aree trattate. Il sistema operativo, perfezionato in 30 anni di lavoro sul campo, si distingue per la qualità e la quantità di risultati conseguiti.
L’indagine si estende nella diverse dimensioni della vita: la crescita personale, la famiglia, il mondo del lavoro e la cittadinanza attiva. Offre nuove logiche operative per ottenere i risultati prescelti e prevenire i problemi.
Lo sviluppo delle abilità umane rende una persona più chiara, capace, soddisfatta di sé e della propria vita; rende una famiglia più stabile, collaborativa e felice. L’applicazione in ambito professionale aggiunge significato e valore al lavoro; rende un’azienda più produttiva e funzionale.
Innovare nell’universo delle abilità umane è una delle sfide più alte in cui l’essere umano oltre a conoscere e creare, diviene capace di trasformare se stesso, in meglio.
La ricerca del Centro Studi Podresca viene applicata da un decennio in progetti tematici regionali ed è stata apprezzata in convegni europei quale buona prassi. Vanta il primato dell’aver introdotto lo studio delle abilità di relazione a scuola con il progetto “Costruire Relazioni” realizzato con il contributo e il patrocinio della Regione Veneto.
Per il suo valore innovativo è stata illustrata all’Expert Group Meeting tenutosi a Bruxelles (6-9 giugno 2012) presso la sede del Comitato delle Regioni. Il Meeting promosso dalla Federazione Internazionale per lo Sviluppo della Famiglia era dedicato alla preparazione dell’Anno Internazionale della Famiglia 2014, proclamato dall’ONU.

Video del Centro Studi: